sorrento hotel villa fiorita
Tarantella show.e.....Capri......... Pompei..........Positano.......Amalfi......Ravello
Escursioni per Capri


LA COOPERATIVA S.ANTONIO ORGANIZZA , CON LA MOTONAVE ROSELY, ESCURSIONI PER CAPRI , CON GIRO DELL’ISOLA E SOSTA DI 5 ORE.
L’ESCURSIONE E’ DISPONIBILE IL LUNEDI’, MARTEDI’, GIOVEDI’ , SABATO E DOMENICA.
PER PRENOTARE RIVOLGERSI IN PORTINERIA UNO O DUE GIORNI PRIMA .

PREZZI : 30EURO PER PERSONA + 5 EURO PER PERSONA PER IL TRANSFERT DALL’HOTEL ALLA SPIAGGIA DI NERANO E RITORNO IN HOTEL.


PARTENZA: 08.15 DALL’HOTEL
09.00 DALLA SPIAGGIA DI NERANO

ARRIVO : 17.30 ALLA SPIAGGIA DI NERANO
18.15 IN HOTEL

Costa Amalfitana


IL MERCOLEDI’ E IL VENERDI’ LA COOPERATIVA S.ANTONIO ORGANIZZA ESCURSIONI PER AMALFI E POSITANO CON GIRO INTORNO ALL’ISOLA LIGALLI , SOSTA DI 2 ORE AD AMALFI , VISITA DELLA GROTTA DELLO SMERALDO E SOSTA DI DUE ORE A POSITANO PER SHOPPING.
RIVOLGERSI IN PORTINERIA PER PRENOTARE E CONTROLLARE LA DISPONIBILITA’ DI POSTI.

PREZZI: 30EURO PER PERSONA + 5 EURO PER PERSONA PER IL TRANSFERT DALL’HOTEL ALLA SPIAGGIA DI NERANO E RITORNO.


PARTENZA: 08.15 DALL’HOTEL
09.00 DALLA SPIAGGIA DI NERANO

ARRIVO : 17.30 ALLA SPIAGGIA DI NERANO
18.15 IN HOTEL

 

La tradizione di due secoli di danze , costumi e musiche partenopee, diventa, sul palcoscenico del Teatro Tasso, un coinvolgente Musical. La magia di canzoni come “TORNA A SURRIENTO” cattura lo spettatore e riporta , con l’ausilio di una scenografia fedele sul piano storico, per incanto indietro nel tempo. Lo spettacolo , della durata di 75 minuti , si propone di raccontare la vita quotidiana della gente del sud, rappresentata in quattro diverse scene.Nella prima è protagonista il mare. Il panorama è quello del golfo da Marina Grande a Punta Scutolo: su questo specchio d’acqua i pescatori si preparano alla pesca quotidiana rendendo con il canto più sopportabile e perfino allegra la fatica di tutti i giorni. Il mercato ha già una sua musica fatta di chiacchiere e pettegolezzi. Nella piazza tra compere e scambi nascono storie d’amore e di gelosia , si intrecciano corteggiamenti e litigi al ritmo e con i passi della tarantella. All’imbrunire e col Vesuvio stagliato all’orizzonte non si può che cantare l’amore . L’ultima scena del Musical ricostruisce il momento popolare della festa . Sulla piazza illuminata a giorno , mentre nel cielo si disegnano le scie dei fuochi d’artificio , tutti si lasciano afferrare dal ritmo dei balli pronti ad affrontare l’indomani un’altra giornata d’amore e di lavoro.

Ogni sera alle 21.30 - Prezzo per persona 27 euro - Musical con cena 60 euro
Prenotare in Portineria

I Traghetti e gli Aliscafi diretti a Capri partono tutti dal Porto di Sorrento che può essere raggiunto sia con la propria auto sia con gli Autobus della Sita.
Per gli orari degli Autobus e degli Aliscafi chiedere in portineria.

Con l’Auto: bisogna scendere per Via Nastro Verde e seguire le indicazioni per Sorrento.
Arrivati nei pressi dell’Ospedale si deve seguire il senso obbligato per Via Degli Aranci.
Dopo tre curve troverete il primo parcheggio dove consigliamo di parcheggiare.Se invece volete parcheggiare al porto bisogna svoltare a sinistra nei pressi dell’Hotel Cesare Augusto e arrivati in Piazza Tasso scendere per la strada a sinistra della balconata con le bandiere ( vedi foto ).
Il parcheggio del porto e’ piccolo e facilmente completo, quindi si consiglia di parcheggiare negli altri parcheggi contrassegnati sulla cartina.
Il costo puo’ variare da 1,50 a 3,00 euro all’ora.

Con l’Autobus della SITA si puo’ raggiungere il centro e scendere a Piazza Tasso ( vedi cartina ).
Una volta scesi raggiungere la balconata con bandiere e a sinistra imboccare le scale che portano alla strada sottostante diretta al Porto.
Dalla fine delle scale al Porto si ci impiega circa 5 minuti.
Una volta al Porto comprare i biglietti e chiedere da quale molo bisogna prendere il traghetto o l’Aliscafo.
Da Piazza Tasso si può scendere al Porto tramite i PULMINI ARANCIONI utilizzando lo stesso biglietto della Sita che avete acquistato in portineria.
La fermata di questi pulmini e’ situata vicino la balconata con le bandiere.
Questi effettuano anche le corse dal Porto al Centro di Sorrento.
Dalle 07.00 alle 23.00 c’è una corsa ogni 20 minuti.

 

Capri luoghi da visitare

1 - Marina Grande: unico porto dell’isola e punto di attracco dei Traghetti.
2 - Grotta Azzurra: famosa in tutto il mondo per il suo colore azzurro intenso.
3 - Piazzetta Umberto I: il centro di Capri sia per i turisti che per gli abitanti.
4 - Via Krupp: progettata dall’ing. Mayer con un percorso a stretti tornanti.
5 - Certosa di S.Giacomo: attualmente sede del Museo Diefenbach.
6 - Tragara: via Tragara termina con un magnifico belvedere sui Faraglioni.
7 - Faraglioni : tre picchi scampati al franamento della costa e all’erosione marina.
8 - Marina Piccola: a circa 15 minuti dalla piazzetta si trova Marina Piccola.
9 - Villa Jovis : antica villa romana con splendida vista sul mare.
10- Villa S.Michele: è stata dimora del medico svedese Axel Munthe
11- Casa Rossa: fu dimora del colonnello americano Jhon Cay H.Mackowen.
12- Villa Damecuta: residenza estiva dell’imperatore Tiberio.
13- Monte Solaro: monte più alto di Capri ( 589 metri ) con splendida vista a 360°.
14- Migliera: punto panoramico circondato da incantevoli campagne.
15- Punta Carena: all’estremo sudovest di Capri nella penisola del Limmo.
Come muoversi a Capri
Funicolare
Se la vostra meta è il centro di Capri, potete utilizzare la Funicolare, un treno che si inerpica tra le limonaie e collega Marina Grande a Capri in 5 minuti. Le partenze sono all'incirca ogni 15 minuti e, nelle ore di maggiore affluenza, anche più frequenti. Sono ammessi cani di piccola taglia muniti di guinzaglio e museruola. Il biglietto UnicoCapri può essere acquistato presso la biglietteria a Marina Grande o in Piazza Diaz a Capri centro. A Marina Grande la biglietteria non si trova all'ingresso della Funicolare, ma alla sinistra del porto, dove si trovano anche le biglietterie di tutte le compagnie di navigazione.
Autobus
Gli autobus Sippic coprono le tratte Capri-Anacapri, Capri-Marina Piccola, Capri-Marina Grande (linea chiamata S.Costanzo), Capri-Damecuta, Marina Grande-Anacapri e Marina Piccola-Anacapri (solo nel periodo estivo). Gli autobus Staiano Autotrasporti collegano Anacapri alla Grotta Azzurra e al Faro di Punta Carena, per entrambe le destinazioni il tragitto dura circa 20 minuti. Le corse degli autobus sono frequenti, ma gli orari sono soggetti a variazioni. Il biglietto si può acquistare direttamente sugli autobus, presso la biglietteria della Funicolare a Marina Grande o a Piazza Martiri d'Ungheria, nei pressi della Piazzetta, dove si trova la stazione degli autobus. Si può usufruire di una Card elettronica prepagata (acquistata versando una cauzione di 1 euro). A Capri è in uso il biglietto UnicoCapri valido per tutti i mezzi pubblici. Ci sono tre tipologie di biglietto tra cui scegliere: biglietto corsa singola, biglietto orario e biglietto giornaliero. Da aprile ad ottobre i turisti che visitano l'isola sono tanti ed è probabile trovare lunghe code al capolinea: le tratte collegate dagli autobus possono essere percorse anche a piedi.
Taxi
I taxi sostano, al porto e nei luoghi di maggiore afflusso turistico, possono essere anche fermati lungo la strada o contattati telefonicamente. I taxisti che lavorano a Capri sono generalmente cortesi e disponibili. Possono essere anche simpatici ciceroni, se si ha poco tempo e si vuole vedere l'isola di Capri in "toccata e fuga". Le auto sono spesso decappottabili, per godere completamente dell'atmosfera isolana: si consiglia di portare un cappello o un foulard e gli occhiali da sole. Le tariffe sono stabilite a tassametro. Per il giro dell'isola di Capri, invece si può contrattare: ci si accorda di volta in volta secondo una serie di variabili che possono essere la stagione, la durata, il percorso, eccetera.
Motorino
Si può noleggiare un motorino al porto, a Capri e ad Anacapri. Potete noleggiarlo per qualche ora, per l'intera giornata o per più giorni ed in questo caso riuscirete anche a trovare un accordo soddisfacente con i titolari.
Seggiovia Monte Solaro
Una seggiovia collega in 12 minuti Anacapri, che si trova a 286 metri sul livello del mare, alla parte più alta dell'isola, Monte Solaro a 589 metri. Da marzo ad ottobre è in funzione dalle 9.30 al tramonto; da novembre a febbraio dalle 10.15 alle 15.00; il giorno di chiusura è il martedì.
Muoversi per mare
Per visitare Capri via mare si possono noleggiare canoe, pedalò, gommoni, i gozzi sorrentini, muniti di tendalina, ghiacciaia, motoscafi con o senza marinaio. Durante la gita, ci si può fermare per la colazione in un ristorante lungo la costa, acquistare il necessario per un picnic o chiedere ai responsabili dell'imbarcazione di provvedere alla spesa. Questa ultima soluzione è un consiglio: non solo sarà pagato il costo sostenuto senza supplementi, ma ci si metterà nelle mani sapienti di chi fa la spesa a Capri tutti i giorni, e sa scegliere le pesche più dolci, la mozzarella più gustosa e i veri pomodori di Capri. Se si preferisce fare da soli, andate a Marina Grande e non esitate a chiedere il panino caprese con mozzarella e pomodoro, ben condito, ottimo da gustare in barca al sole. Si può decidere di visitare l'Isola di Capri via mare con i tour organizzati. Il giro dell'isola dura un'ora e 45 minuti, inclusa la visita della Grotta Azzurra a bordo di una barchetta a remi, ma dipende dall'affluenza perché nella grotta possono entrare poche barche alla volta, e quindi l'attesa può essere spesso anche un po' più lunga di un'ora. Se si arriva a Capri a bordo della propria barca, si può attraccare al porto turistico. Qui ci sono tutti i servizi di cui si può avere bisogno, inoltre in estate i posti barca aumentano con l'aggiunta di pontili galleggianti. Se si sceglie l'ormeggio in rada, ci si mantenga sempre ad una distanza superiore ai 300 metri dalla costa
Con l’Auto: Scendere per Via Nastro Verde e arrivati a Sorrento prendere Via Degli Aranci e percorrerla tutta fino all’incrocio di Marano dove proseguire in direzione Napoli. Arrivati a Piano Di Sorrento si ha il senso obbligato a destra per VIA MORTORA e dopo circa 500 mt girare a sinistra e poi al termine della strada scendere di nuovo sul Corso principale seguendo il quale sempre in direzione Napoli arriverete sulla STATALE SORRENTINA
Bisogna percorrerla per tutta la sua lunghezza ( circa 15 km ) fino ai cancelli d’ingresso dell’AUTOSTRADA A3. Imboccata l’Autostrada prendere la DIREZIONE NAPOLI e poco dopo troverete sulla destra l’uscita per POMPEI.Subito dopo aver imboccato l’uscita troverete gli SCAVI sulla sinistra.Vi consigliamo di parcheggiare l’auto in un degli appositi parcheggi privati situati nell’area degli scavi.

Con il Treno :prendere l’Autobus SITA dall’hotel e arrivare all’ultima fermata , la STAZIONE CIRCUMVESUVIANA dove al primo piano potete prendere il treno in direzione Napoli.La Stazione di Pompei si chiama POMPEI SCAVI VILLA DEI MISTERI e verrà raggiunta dal treno in circa 40 minuti.L’ingresso degli SCAVI è situata a 50 metri dalla Stazione Villa Misteri.Per il biglietto del Bus e del Treno chiedere in portineria.

Gli scavi di Pompei

1 Tempio di Apollo
2 Basilica
3 Foro
4 Granai del Foro
5 Casa del Cinghiale
6 Lupanare
7 Panificio
8 Vicolo Storto
9 Casa del Fauno
10 Terme Stabiane

11 Tempio di Iside
12 Teatro Grande
13 Quadriportico dei Teatri
14 Via Stabiana
15 Via dell'Abbondanza
16 Orto dei Fuggiaschi
17 Palestra Grande
18 Anfiteatro
19 Necropoli di Porta Nocera
20 Via dei Sepolcri
21 Villa dei Misteri

Pompei: Orario di apertura degli Scavi

ORARI DA OTTOBRE A FEBBRAIO
APERTURA 8.30
CHIUSURA BIGLIETTERIA 15.30
CHIUSURA SCAVI 17.00

ORARI DA MARZO A SETTEMBRE
APERTURA 8.30
CHIUSURA BIGLIETTERIA 18.00
CHIUSURA SCAVI 19.30

Per i cittadini della comunità europea al di sopra dei sessantacinque (65) anni e al di sotto dei diciotto (18) l'ingresso è gratuito.
Gli studenti di età compresa tra i 18 ed i 25 anni pagano
5,00 euro.
Per le riduzioni di cui sopra è necessario mostrare all'ingresso un documento di identità.
Il prezzo intero del biglietto è di 10 Euro

*Gli Scavi restano chiusi il 25 dicembre, il I°gennaio ed il I°maggio

Con l’Auto : continuare a salire per Via Nastro Verde e dopo circa 1 km dal ns hotel prendere a sinistra per VIA NASTRO AZZURRO in direzione Positano Amalfi.Proseguendo sempre per Via Nastro Azzurro dopo circa 6 km arriverete ad un bivio dove logicamente prendere a destra la direzione Positano Amalfi.Siete ora sul tratto piu’ famoso di Via Nastro Azzurro con i suoi panorami mozzafiato.
Dopo circa 15 minuti arriverete a Positano.Per visitare la cittadina consigliamo di scendere giu’ con l’auto e parcheggiare in un dei parcheggi privati disseminati lungo la stradina tortuosa che attraversa Positano.I prezzi di questi parcheggi possono variare da 2,00 euro a 5,00 euro all’ora.
Con l’Autobus SITA : la fermata è situata a venti metri dal nostro cancello dall’altra parte della strada .Segnalare la propria presenza al spraggiungere dell’Autobus che dovrà essere contrassegnato nella parte anteriore dall’indicazione POSITANO AMALFI.
Purtroppo , essendo partiti da Sorrento e avendo quindi percorso già alcuni km ,
questi pullman spesso non si fermano perché pieni, e quindi consigliabile prendere l’Autobus in direzione Positano Amalfi direttamente dalla Stazione Circumvesuviana al centro di Sorrento.
Si impiegherà un pò più tempo ma almeno si eviteranno lunghe attese inutili.
Per i biglietti e gli orari chiedere in Portineria.
Con i Traghetti : i Traghetti della compagnia METRO’ DEL MARE effettuano collegamenti da Sorrento a Positano e viceversa dal 13 Aprile al 15 Settembre.
Positano cosa visitare
Di origine romana, fu fondata da abitanti provenienti da Paestum sottoposti al saccheggio dalle orde dei barbari; ha seguito le sorti della Repubblica Marinara di Amalfi, divenendo sede della scuola nautica. Nel corso del XVI e XVII secolo si arricchì enormemente, grazie alle sue navi che solcarono il Mediterraneo, riproponendo, seppur per breve periodo, la fama della Repubblica Marinara. Posizionata in tre piccole vallate, racchiude nel suo territorio diverse torri con scopi difensivi, fatte costruire sia lungo la dorsale costiera, che internamente al territorio cittadino. Le case poi, in stile barocco, si aggrappano alle ripide rocce, mentre il loro sguardo si rivolge verso quell'incredibile blu e verde del mare che lambisce le spiagge.
Da visitare...
la chiesa di Santa Maria Assunta, realizzata nel XIII secolo, la cui cupola è interamente maiolicata a mosaico. Un tempo il pavimento era bizantino; di esso se ne conserva un riquadro nell'area absidale. Si conserva ancora, sull'altare maggiore, un'icona bizantina con il rilievo della Madonna Nera con Bambino, la cui leggenda, narra del suo arrivo per via mare.
Da non perdere una gita in barca presso le isolette "li Galli".
Positano è... ""Moda""
Positano è altresì sinonimo di moda estiva. Qui nel dedalo di viuzze, tra il saliscendi dei vicoli, la gente di Positano ha realizzato il miracolo della moda "made in Positano". Decine di boutique espongono il gusto, la finezza, l'eleganza di questo popolo che ha esternato, nella moda, la propria estrosità realizzando calzature, foulards e vesti oramai conosciute in tutto il mondo. I suoi tessuti, lino, cotone, seta ed i suoi colori dettano legge nell'ambito della moda mare.
Con l’Auto: proseguire in su per Via Nastro Verde e poi prendere Via Nastro Azzurro in direzione Positano Amalfi.Dopo circa 7 km arriverete ad un bivio dove bisogna prendere a destra in direzione Amalfi o Positano.
Siete ora su Via Nastro Azzurro che vi conduce attraverso la splendida costiera amalfitana attraversando alcune incantevoli cittadine come la famosa Positano , Praiano e Conca dei Marini.Per raggiungere Amalfi si impiega circa 1 ora, a causa della stradina molto tortuosa e piuttosto stretta. La città di Amalfi non possiede grandi parcheggi , quindi se il parcheggio sul lungomare e’ completo si consiglia di proseguire e parcheggiare ad Atrani , un piccolo paese a poca distanza da Amalfi. Dalla piazza principale di Atrani attraverso un passaggio pedonale si può raggiungere Amalfi in pochi minuti.
Con l’Autobus: la fermata e’ situata a venti metri dal nostro cancello dall’altra parte della strada. Segnalare la propria presenza al sopraggiungere del Bus che dovrà essere contrassegnato nella parte anteriore dall’indicazione POSITANO AMALFI.
Purtroppo , essendo partiti da Sorrento e avendo quindi percorso già alcuni km
questi pullman spesso non si fermano perché pieni , e quindi consigliabile prendere l’Autobus, in direzione Positano Amalfi , direttamente dalla Stazione Circumvesuviana al centro di Sorrento.
Per il ritorno l’Autobus dovrà essere contrassegnato dalla direzione Sorrento Via Nastro Verde oppure Via S.Agata oppure Via Priora.
Gli altri Autobus con direzione Sorrento non passano vicino al nostro Hotel e quindi se decidete di utilizzarli , arrivati alla Stazione Circumvesuviana dovete poi prendere un altro pullman in direzione Via Nastro Verde.
Con i Traghetti : la compagnia METRO’ DEL MARE effettua collegamenti da Sorrento ad Amalfi e viceversa dal 13 Aprile al 15 Settembre.
.
Amalfi cosa visitare
Appena si arriva ad Amalfi, sia che si provenga da Sorrento, che da Salerno, lo spettacolo è entusiasmante. Case bianche aggrappate alle pareti rocciose, si contrappongono all'imponenza del Duomo di Amalfi posto al centro della cittadina. Così come le abitazioni, anche la Cattedrale, dedicata all'Apostolo S.Andrea, si raggiunge dopo aver percorso la scalinata con i suoi 57gradini.
Sul lato destro del Duomo,si erge il campanile del XII secolo mentre, al di sotto di esso il chiostro Paradiso con l'annessa chiesa del Crocifisso, attendono il visitatore per un breve viaggio nel passato storico religioso della Chiesa amalfitana.
Dall'atrio del Duomo, che sovrasta la piazza, ove la statua del Patrono di Amalfi fa bella mostra di se, si intravedono, agli angoli dei vecchi edifici signorili, oggi adibiti ad alberghi, viuzze che si gettano chissà dove; questi vicoli, ci portano alla scoperta di Amalfi. Ognuna di esse nasconde una piazza, uno slargo dove in passato, le più disparate attività umane esibivano il loro ingegno. Scopriamo quindi piazza dei Dogi, anticamente piazza dei Ferrari, per la presenza di botteghe dei fabbri.
Da qui altri vicoli si diramano in tutte le direzioni; una ci porta verso il mare, dove sulla sinistra, ci imbattiamo nell'entrata degli antichi arsenali della Repubblica; un'altra ci conduce verso il rione Vagliendola, dove resistono ancora esempi di abitazioni aristocratiche turrite. Questa via conduce alla porta occidentale della città, che prosegue poi fino all'albergo dei Cappuccini, un tempo convento di San Pietro della Canonica, fondato nel XIII secolo. Un altro vicolo ci conduce verso l'interno di Amalfi fino a giungere in Piazza dello Spirito Santo. Ma Amalfi non termina in questa piazza; proseguendo lungo la via principale ci imbattiamo nella porta settentrionale dell'antica città. Aldilà della porta entriamo nella Valle dei mulini. Qui ci imbattiamo nel museo della Carta www.museodellacarta.it dove si conservano gli "ingegni" e le attrezzature usate dalle genti di Amalfi per produrre la carta; più innanzi una delle ultime cartiere, quella degli Amatruda, continua ancora oggi, la tradizione cartaria amalfitana. Incontriamo ancora il museo dell'arte contadina, con gli strumenti che per secoli hanno caratterizzato l'agricoltura locale e con cui si è coltivato il famoso limone costiero lo "sfusato amalfitano", tanto profumato e tanto ricercato.Per chi vuole un pò di avventura ecco pronta la Valle delle Ferriere, dove tra la vegetazione si ergono i resti di alcune antiche cartiere e di una vecchia ferriera, mentre la riserva naturale, tutela "legalmente", quanto la natura ha conservato per millenni; è il luogo ove regna sovrana la Woodwardia Radicans, ovvero "felce bulbifera".
Ma è ancora sul mare che altri edifici conservano le antiche vestigia amalfitane; è l'ex convento benedettino femminile dedicato alla SS Trinità, oggi sede del Comune e del Museo Civico, ove si conservano la "Tabula de Amalpha" ed il Codice Foscariniano, quest'ultimo costituito da una pregevole raccolta di manoscritti del XVII secolo, un tempo di proprietà del doge Marco Foscarini di Venezia.
Si conservano infine alcuni strumenti di navigazione, il gonfalone cittadino ed i costumi indossati per le Storiche Regate, realizzati dallo scenografo Scielzo nei primi anni cinquanta del XX secolo
La grotta dello smeraldo

I monti Lattari costituiscono l'ossatura della costiera amalfitana, le cui rocce, di origine calcareo-dolomitica, sottoposta all'azione erosiva dell'acqua ha dato origine a diverse grotte. Tra queste spicca la grotta dello Smeraldo situata nel Comune di Conca dei Marini, fonde agli elementi tipiche di una grotta carsica, quelle di una grotta marina. Inizialmente la grotta era posta al di sopra del livello del mare, in cui si andarono formando stalattiti e stalagmiti di varie dimensioni; sia fenomeni di bradisismo che l'innalzamento del livello del mare, portarono le acque del Tirreno ad invadere parzialmente la grotta, facendone assumere le attuali caratteristiche, tra cui spicca la luminescenza dell'acqua di color "smeraldo". Questa caratteristica deriva dall'esistenza, di un'apertura posta a circa 4 metri al di sotto dell'attuale livello dell'acqua marina collegato, mediante un canale di circa 12 metri, con il mare aperto.
Di particolare fascino è il presepe subacqueo in cerasmica di Vietri posto sul fondale della grotta nel 1956 a circa 4 metri di profondità.
Come arrivare: cinque chilometri prima di Amalfi si incontrano le indicazioni per la Grotta dello Smeraldo.Si lascia l’Auto sulla strada e si prende l’ascensore fino al livello del mare. Di qui si passa sulla barca e si entra nella grotta.La grotta è raggiungibile anche per via mare mediante imbarcazioni che fanno la spola dal porto di Amalfi.
Il costo del biglietto d’ingresso è di 5,00 euro.
Apertura ore 09.30 , chiusura ore 16.00.
Con l’Auto : continuare a salire per Via Nastro Verde ed al bivio ( dopo 1 km ) prendere a sinistra per Via Nastro Azzurro in direzione Positano Amalfi.
Continuando su Via Nastro Azzurro per circa 6-7 km arriverete ad un Bivio e prendete a destra per Positano Amalfi. Siete ora sulla strada della costiera amalfitana ricca di paesaggi incantevoli.Subito dopo Amalfi troverete sulla sinistra una strada in salita che conduce a Ravello.
Con l’Autobus: la fermata è situata a venti metri dal nostro cancello dall’altra parte della strada. Segnalare la propria presenza al sopraggiungere dell’Autobus che dovrà essere contrassegnato nella parte anteriore dallìindicazione POSITANO AMALFI. Purtroppo , essendo partiti da Sorrento e avendo quindi percorso già alcuni km questi pullman spesso non si fermano perché pieni, e quindi consigliabile prendere l’Autobus in direzione Positano Amalfi direttamente dalla Stazione Circumvesuviana al centro di Sorrento.
Giunti ad Amalfi bisogna prendere un’altro Autobus in direzione Ravello.
Per gli orari e i biglietti chiedere in portineria.
Con i Traghetti: I Traghetti della compagnia METRO’ DEL MARE effettuano collegamenti da Sorrento ad Amalfi e viceversa dal 13 Aprile al 15 Settembre.
Giunti ad Amalfi bisogna prendere l’Autobus Sita in direzione Ravello.
.
Cosa visitare a Ravello


Ravello dista da Amalfi circa 5 km; posta su di un promontorio, domina la costa che va da Maiori e giunge fino ad Amalfi.Di origine romana , fu fondata nel corso del VI secolo d.C., raggiungendo il massimo splendore nel corso dei secoli X ed XI; ha seguito ovviamente, le sorti della Repubblica Marinara, pur tuttavia ottenne l'indipendenza dalla stessa, allorché non accettò, nel corso dell'XI secolo, di seguire Amalfi nella lotta contro Guiscardo.
Il Duomo dedicato a San Pantaleone è stato eretto nel corso dell'XI secolo per volere del Vescovo Orso Pavico. L'ingresso presenta porte in bronzo fuse, opera di Barisano da Trani e realizzate nel XII secolo; nel suo interno, presenta un museo ove si conservano numerose testimonianze storiche del suo passato. Sono da ricordare il pulpito in marmo realizzato da Niccolò di Bartolomeo da Foggia del XIII secolo e l'ambone del XII secolo che raffigura, con la decorazione di mosaici, Giona inghiottito da Pistrice.La chiesa di S. Giovanni del Toro, realizzata alla fine del X secolo, conseva un ambone del XII secolo ed un Crocifisso ligneo del XV secolo.
Da visitare...
la villa Rufolo, del XII secolo, eretta dalla nobile famiglia Rufolo e la villa Cimbrone, di data più recente, per la bellezza dei loro interni. In entrambe le ville la bellezza dei giardini rendono incantati i luoghi.
Ricordiamo inoltre una visita alle chiese di San Giovanni del Toro e di Santa Maria in Gradillo.
Da villa Cimbrone un belvedere rende possibile ammirare uno dei più entusiasmanti panorami d'Italia, il cui sguardo si protende lungo tutta la costiera amalfitana fino a raggiungere, nei giorni più tersi, la costa cilentana.
Da ricordare l'evento musicale che annualmente ospita la villa Rufolo con concerti di musica sinfonica.

le ville di Ravello
Immersa nella natura e con ai suoi piedi, il mare, sorge Ravello. Su questo breve promontorio, due gioielli esibiscono le proprie meraviglie; sono villa Rufolo e villa Cimbrone, luoghi che hanno incantato numerosi artisti, i quali vi hanno trovato ispirazioni per numerose opere. Qui, nei giardini di villa Cimbrone, Riccardo Wagner esclamò:""Il giardino magico di Klingsor è trovato"".
Villa Rufolo, fu realizzata nel XII Secolo ad opera dell'omonima famiglia Rufolo. L'ingresso della villa è situata sulla piazza principale di Ravello, da cui è ben visibile la torre a forma quadrangolare, in stile arabo. Splendidi giardini, che ogni anno ospitano il festival wagneriano.
Villa Cimbrone, anch'essa fu realizzata alla fine del XII secolo, costruita su alcuni ruderi di una villa romana. Appena entrati, sulla sinistra sorge il Chiostro, in cui sono evidenti due bassorilievi, il primo dei 9 guerrieri Normanni, il secondo dei 7 peccati Mortali. Poco oltre il vasto giardino che conduce al belvedere, da cui si scorge il panorama della Costiera. Percorrendo il giardino incontriamo numerose colonnine ed un tempietto, elementi questi che rendono particolarmente suggestivo l'insieme degli ambienti incontrati.

Il museo del Duomo di Ravello
per informazioni: telefono 089/857212 Aperto tutti i giorni orario (09.30 - 13.00 e 15.00 - 19.00)
Nel suo interno vengono conservate alcune urne cinerarie romane del I e II secolo d.C. ed un sarcofago del III secolo; si possono ammirare inoltre gli argenti del tesoro della chiesa tra cui una croce d'argento cesellato ed alcuni reliquiari tra cui quello di S. Lorenzo e S. Tommaso. Sono altresì conservate pezzi derivanti da successive ristrutturazioni della chiesa, quali lastre marmoree con maioliche.

Come raggiungere Ercolano
Hotel Villa Fiorita

- Via Nastro Verde 96 - 80067 Sorrento (Italy) - info@albergovillafiorita.com - Tel. 0818780003 / Fax 0818080950

 

 
home page
camere
foto
offerte
servizi
guida di sorrento
prezzi e disponibilità
dove siamo
escursioni

Hotel Villa Fiorita - Via Nastro Verde 96 - 80067 Sorrento (Italy)